tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Banca Dati - Domande e Risposte

Domande e risposte

Sono un produttore agricolo che intende ampliare la propria attività iniziando un allevamento di falchi. Desidero sapere se tale attività può essere considerata attività agricola.

Buongiorno, vorrei cortesemente sapere se in una ss che attualmente opera in regime speciale iva, in caso di opzione per il regime ordinario la presenza tra le attività di una soccida monetizzata ( FC IVA) può comportare o meno limitazioni al diritto alla detrazione dell'iva sugli acquisti.

Una cantina, deposito fiscale in quanto supera i 1000 hl medi di produzione nei 5 anni, ha una richiesta da parte di un privato residente nell'UE di un certo numero di bottiglie di vino. Quali sono i documenti da produrre o le azioni da attuare?

Un agricoltore che svolge attività agricola e attività agrituristica optando per entrambe le attività per l'applicazione dell'Iva nei modi ordinari.
Premesso che, la contabilità separata, non è obbligatoria nel caso in cui per entrambe le attività si sia optato per l'applicazione dell'Iva nei modi ordinari.
Si chiede come dimostrare la prevalenza dell’attività agricola rispetto all’agriturismo, non essendoci obbligo di fatturare i passaggi interni di merci, in presenza quindi di un’unica contabilità IVA le due attività esercitate.
Esiste un documento amministrativo interno per evidenziare il passaggio di merci tra le due attività?

Nel 2010 ho installato sul tetto dei miei capannoni adibiti all’allevamento un impianto fotovoltaico di rilevanti dimensioni, ma, ad oggi, tale circostanza non è ancora stata comunicata alla compagnia presso cui è assicurato il fabbricato contro il rischio di incendio ecc.. Vorrei sapere se tale circostanza può compromettere il mio diritto al risarcimento del danno in caso di incendio della stalla, anche in considerazione del fatto che l’impianto è dotato di un’autonoma polizza assicurativa, contratta con una compagnia diversa da quella con cui è assicurato l’immobile.

Chiedo cortesemente un parere su un coltivatore diretto che va a fare lavori di c/terzi da altri agricoltori (attività connessa), può anche andare con i propri mezzi a fare dei lavori di ruspatura e scavi in un piazzale di un'azienda non agricola?
Posso considerarla sempre attività agricola connessa e tassarla fiscalmente al 25% ?
Ringrazio per la collaborazione e saluto cordialmente.

Per quanto riguarda la comunicazione dei beni concessi in godimento a soci o familiari e finanziamenti, capitalizzazioni e apporti effettuati dai soci chiediamo, per cortesia, alcuni chiarimenti.
Premetto che la nostra Società Agricola Cooperativa ha l’esercizio infra-annuale 01/08 – 31/07 e che la comunicazione è relativa solamente a prestiti da soci in quanto non abbiamo beni concessi in godimento ai soci.
1° Quesito: la scadenza della comunicazione è confermata al 30/04/2013?
2° Quesito: i dati da comunicare sono relativi all’anno solare 2012 oppure al nostro periodo di imposta 01/08/2012 – 31/07/2013 oppure ad altro periodo temporale?

Sono un coltivatore diretto e da oltre sette anni conduco in qualità di affittuario un fondo rustico composto da diversi appezzamenti di terreno contigui. Una porzione del fondo da me condotto è stata inserita nel Piano Regolatore Generale quale area edificabile ed ora il proprietario intende vendere l’intero appezzamento di terreno (area edificabile + terreno agricolo) ad un soggetto terzo.
Vorrei sapere se in qualità di affittuario sono legittimato ad esercitare il diritto di prelazione agraria relativamente all’intero fondo rustico che tuttora conduco. A tal proposito si precisa che l’area attualmente risulta inserita nel PSC; pertanto non sussiste alcuna possibilità concreta di edificare.

Caso:
- Fondo agricolo affittato a IAP da oltre 3 anni con contratto in scadenza il 31 dicembre 2015 viene messo in vendita e il conduttore non intende acquistare per cui NON ESERCITA IL DIRITTO DI PRELAZIONE.
- Esiste un confinante che è IAP
- Esiste un terzo non confinante che NON E' IAP
Nel caso in cui il conduttore del fondo NON eserciti il diritto di prelazione, subentra il confinante nel diritto di prelazione oppure può acquistare il terzo senza particolari problemi?

PPC, si domanda se:

1. Nell’acquisto di un terreno con i benefici della P.P.C., dove il terreno risulta in conduzione con contratto di affitto, ai fini della prelazione è corretto che il cedente faccia la comunicazione esclusivamente all'affittuario, tralasciando gli altri confinanti?
2. Se l’affittuario non vanta diritto alla prelazione e l’acquisto viene perfezionato da altro soggetto, con beneficio P.P.C. ,l’affittuario può continuare a condurre il terreno medesimo fino alla scadenza del contratto di affitto, o tale situazione può in qualche modo pregiudicare il diritto all’agevolazione P.P.C.?

"A" vende olio extravergine di oliva a "B" che risiede in Germania e a "C" che risiede in Gran Bretagna. Entrambi "B e C" non hanno partita iva. Le fatture sono state fatte con l'indicazione dell'art. 41 dell'IVA. "A" è tenuta alla comunicazione Intrastat?

Sono un imprenditore agricolo  che ha concesso in affitto parte dei suoi terreni fino al 2020. Oltre ai terreni ha concesso in affitto anche i titoli della PAC. Con l’entrata in vigore della nuova PAC rimango in possesso dei suddetto titoli? Cosa devo eventualmente fare per mantenerli?

SEGUICI:

logo bottom 03