tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Banca Dati - Domande e Risposte

Domande e risposte

In riferimento alla norma sulla sesta giornata per gli operai agricoli a tempo determinato, avrei la necessità di sapere se, nel caso di seguito riportato vige o meno l'obbligo di applicare quanto prevede la legge.
Il nostro contratto prevede 39 ore di lavoro settimanale su 6 giorni, quindi 7 ore dal lunedì al venerdì e 4 ore il sabato.
Nel caso in cui un operaio a T.D. che ha lavorato il lunedì, martedì, giovedì, venerdì e sabato per un totale di 43 ore ha diritto alla sesta giornata?
Inoltre per chi nell'ultima settimana del mese di marzo ha lavorato dal lunedì al venerdì superando le 39 ore deve essere inserita la sesta giornata in marzo oppure bisogna aspettare di verificare se eventualmente lavora anche la domenica 1 aprile?

La nostra cooperativa agricola a mutualità prevalente intende iniziare l'attività di produzione e cessione di energia elettrica da fonte fotovoltaica e a tal fine intende installare un impianto fotovoltaico sul tetto di un capannone. Vorremmo sapere se tale impianto ai fini bilancistici può essere considerato alla stregua della copertura, quindi parte integrante dell'immobile, e se l'esercizio di tale attività potrebbe comportare la perdita della mutualità prevalente.

Sono un produttore agricolo con la qualifica di imprenditore agricolo professionale (IAP), che esercita la propria attività su un terreno pervenuto in eredità al 50% con mio fratello, che esercita una attività professionale.
Poiché il terreno è stato recentemente inserito nel Piano regolatore del Comune come terreno edificabile, quale è il corretto calcolo dell'IMU, sia per me, che per mio fratello?

Sono un contribuente tenuto a fare il modello 730. Vorrei avere maggiori informazioni circa il pagamento dell'IMU ed in particolare se posso compensare l'imposta in questione con i crediti derivanti dal 730/2012. Inoltre nel caso mi avanzasse un ulteriore credito come potrei fare per ottenerne il rimborso?

Sono titolare di una società agricola in accomandita semplice che svolge attività di coltivazione di cereali ed ha concesso in affitto una parte del proprio terreno per una superficie di circa dieci ettari.
Sono intenzionato ad esercitare l'opzione per la determinazione del reddito su base catastale; pertanto vorrei sapere quali requisiti sono necessari e se la stipula di contratti di affitto è preclusiva all'esercizio dell'opzione.

Ho stipulato, in qualità di concedente, un contratto di compartecipazione agraria per la produzione di pomodoro con una società semplice agricola in regime IVA ordinario (compartecipante). Alla luce di tale contratto i prodotti verranno ripartiti per il 50% a favore del concedente e per il 50% a favore del compartecipante.
Vorrei sapere se la società semplice può detrarsi integralmente le fatture di acquisto dei prodotti da conferire in compartecipazione agraria.
Inoltre vorrei sapere se il riparto del prodotto finito può influire sul computo delle mie giornate lavorative al fine di rivestire la qualifica di IAP o coltivatore diretto.
Infine vorrei sapere se in unico dovrà essere indicato il reddito agrario proporzionalmente alla percentuale di prodotto ripartito.

Sono un agricoltore e svolgo attività agricola di allevamento in qualità di soccidario con monetizzazione dell'accrescimento. Intendo realizzare un impianto fotovoltaico tramite l'acquisizione di un diritto di superficie su di un capannone aziendale esistente (scambio sul posto 50%, vendita energia 50%).
Vorrei sapere se è obbligatorio tenere separate le attività svolte e se posso portare in detrazione l'IVA assolta per la costruzione dell'impianto e quella derivante dalla cessione di energia con i contributi dei dipendenti.

Vorrei sapere quali limiti sono stati posti dal D.Lgs 28/2011 (IV conto energia) alla realizzaione di impianti fotovoltaici a terra ed, in particolare, se il limite del 10% (rapporto fra superficie terreno e superficie impianto) può essere rispettato stipulando contratti di affitto di fondo rustico o comodato.
Infine vorrei sapere se la concessione del terreno in affitto o in comodato può pregiudicare la corresponsione dei titoli PAC in capo al soggetto concedente.

Sono un produttore agricolo, ditta individuale, che esercita l'attività su un terreno che recentemente è stato qualificato nel piano regolatore come terreno edificabile.
In caso di cessione, si chiede di conoscere la corretta tassazione ai fini delle imposte dirette, dell'IVA e dell'IRAP.

Un'azienda agricola, ditta individuale, vende birra in fusti o bottiglie derivante da trasformazione di beni di propria produzione; tale attività è considerata agricola ed è tassata su base catastale.
Nel caso in cui effettui anche degustazioni di birra, eventualmente accompagnata da altri prodotti sempre di propria produzione, come salame e formaggi, trattasi parimenti di cessione di beni, oppure trattasi di somministrazione di tipo agrituristico?

SEGUICI:

logo bottom 03