tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Approfondimenti di Luciano Mattarelli

Approfondimenti di Luciano Mattarelli

 

Le mutazioni avvenute negli ultimi anni su cosa, quanto e come produrre in agricoltura hanno risvegliato l’interesse di molte imprese agricole su alcuni tipi di contratto che l’epopea degli anni ‘70/80 aveva portato ai minimi termini per conoscenza e diffusione o, in certe aree d’Italia, al disuso.

 

Con risoluzione n. 1/DPF del 28 febbraio 2018 l’Amministrazione finanziaria ha chiarito che ai fini IMU sono esenti tutti i terreni agricoli, posseduti e condotti dai coltivatori diretti e dagli imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola, anche se già pensionati, indipendentemente dall’ubicazione dei terreni stessi e sono considerati non fabbricabili i terreni posseduti e condotti dagli stessi soggetti, sui quali persiste l'utilizzazione agro-silvo-pastorale mediante l'esercizio di attività dirette alla coltivazione del fondo, alla silvicoltura, alla funghicoltura e all'allevamento di animali.

 

Nuove costruzioni, manutenzioni, ristrutturazioni: nel mondo dell’agricoltura, gli interventi edilizi rappresentano un’attività comune che, negli ultimi anni, ha trovato una sempre maggiore diffusione grazie alla moltiplicazione di bonus fiscali ed incentivi attribuiti dalla legge.

 

Chiunque svolga un’attività prettamente agricola di florovivaisimo, ma anche per gli hobbisti, presto o tardi si troverà a confrontarsi con attività di gestione del proprio verde e/o del proprio terreno. Per farlo, oltre a competenze specifiche, occorrono materiali, strumenti e prodotti che sono essenziali per lo svolgimento delle attività di giardinaggio.

SEGUICI:

logo bottom 03