Circ. n. 243/2017 - La morte dell'imprenditore: note comportamentali nei rapporti con Agea, Iva e Codice Civile.

La morte dell’imprenditore, titolare di una ditta individuale, determina una comunione ereditaria che non si tramuta automaticamente in un rapporto societario tra gli eredi. Infatti, affinché si possa costituire una società, occorre il consenso degli eredi a continuare congiuntamente l’attività del de cuius.

Per visionare il contenuto devi avere un abbonamento attivo a CIRCOLARI.


CLICCA QUI per il login

Professionisti di riferimento

Prof. Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

Professionisti di riferimento

Prof.Maurizio LeoDocente Scuola di istruzione
Guardia di Finanza Roma
Gian Paolo TosoniPubblicità de Il Sole 24 ORE
Esperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Luciano MattarelliEsperto in Materia Fiscale del Settore Agricolo
Angelo FrascarelliProfessore Associato
Università degli Studi di Perugia

SEGUICI: