fbpx
SOCIAL:
Area Riservata

Archivio

Anche gli imprenditori agricoli pagano la Mini-IMU

I terreni, anche non coltivati, posseduti e condotti da coltivatori diretti e imprenditori agricoli professionali sono soggetti alla 'mini-Imu'. 

La regola si applica a patto che il Comune abbia deliberato per il 2013 un'aliquota più elevata rispetto al tetto statale del 7,6 per mille.

A differenza dei fabbricati rurali sui quali gli enti locali non avevano il potere di aumentare l'aliquota del 2 per mille, per i terreni, i coltivatori diretti e gli imprenditori agricoli professionali devono verificare le scelte dei Municipi.

Se è stata confermata l'aliquota di base o se questa è  stata ridotta il problema del pagamento non si pone, considerato che anche questi immobili, come le prime case e quelle assimilate hanno fruito dell'abolizione sia della prima che della seconda rata Imu.

Solo in caso di aumento dell'aliquota standard va calcolato e versato il tributo dovuto.

E' bene ricordare che non devono versare la mini-Imu i possessori di terreni agricoli che non hanno la qualifica di coltivatori diretti o imprenditori agricoli professionali in quanto devono aver già provveduto nel mese di dicembre 2013.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

 

Please publish modules in offcanvas position.