tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Ultimo appello per il versamento della prima rata IMU
SOCIAL:
Area Riservata

Archivio

Ultimo appello per il versamento della prima rata IMU

I contribuenti che non vi hanno già provveduto lo scorso 16 giugno, dovranno versare la prima rata IMU 2015 sui terreni agricoli entro il prossimo 30 ottobre.

La proroga è stata introdotta dalla Legge 125/2015 e consente ai ritardatari di versare l’acconto Imu sui terreni agricoli (relativo al primo semestre 2015) senza applicazione di sanzioni e interessi.

Ricordiamo che anche per il versamento del 30 ottobre sono applicabili le ipotesi di esenzione previste dal Dl 4/2015:

- per i terreni situati in Comuni classificati montanidallIstat e per quelli delle isole minori, è prevista un’esenzione di tipo oggettivo (riconosciuta indipendentemente da chi li possiede).

- Per i terreni ubicati in Comuni che lelenco classifica parzialmente montani, l’esenzione è di tipo “soggettivo” ed è condizionata dal possesso da parte di un coltivatore diretto o di un imprenditore agricolo professionale (Iap, articolo 1 del Dlgs 99/2004) iscritto alla previdenza agricola. 

- Per i terreni montani che in base alle precedenti regole (circolare 9/1993) erano esenti da Imu e che nel 2015 non lo sono piùalla luce del nuovo elenco Istat, è prevista una detrazione di imposta pari a 200 euro da applicare, fino a concorrenza del suo ammontare, sull’imposta complessivamente dovuta. La detrazione spetta a patto che i terreni siano posseduti e condotti dai coltivatori diretti e IAP.

Ricordiamo che i contribuenti in possesso delle qualifiche professionali agricole, hanno, inoltre, diritto a unulteriore agevolazione sotto forma di riduzione della base imponibile.

In sostanza è prevista l’esenzione da imposta per i terreni agricoli di valore pari o inferiore a 6.000 euro e l’applicazione dell’imposta per scaglioni oltre questo importo.

 

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Please publish modules in offcanvas position.