tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Riconfermato il bonus per l'assunzione di over 50 e donne
SOCIAL:
Area Riservata

Archivio

Riconfermato il bonus per l'assunzione di over 50 e donne

Con messaggio 6319 dello scorso 29 Luglio, l’Inps ha riconfermato la possibilità di usufruire di una riduzione del 50% sui contributi per:

  • l’assunzione di donne di qualsiasi età residenti in aree svantaggiate purché si trovino in particolari condizioni di difficoltà occupazionale;
  • lavoratori di età pari o superiore a 50 anni disoccupati da oltre 12 mesi

L’incentivo è stato introdotto dalla legge 92/2012 art. 4 commi da 8 a 12 (Legge Fornero), e prevede una riduzione contributiva a carico dei datori di lavoro che assumono a termine o a tempo indeterminato, lavoratori dipendenti appartenenti alle seguenti categorie:

  • uomini e donne con almeno cinquant'anni di età e «disoccupati da oltre dodici mesi»;
  • donne di qualsiasi età, residenti in aree svantaggiate e «prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi»;
  • donne di qualsiasi età, con una professione o di un settore economico caratterizzati da un'accentuata disparità occupazionale di genere (si veda la scheda a lato) e «prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi»;
  • donne di qualsiasi età, ovunque residenti e «prive di un impiego regolarmente retribuito da almeno ventiquattro mesi».

L’agevolazione spetta per un periodo massimo di 12 mesi nel caso di assunzione a tempo determinato, 18 mesi se il contratto viene trasformato o stipulato a tempo indeterminato.

Le aree svantaggiate di cui al riferimento normativo, sono definite dalla Carta degli aiuti a finalità regionale adottata con Decisione C(2007)5618 e recepita con Decreto del MISE del 27 marzo 2008.

Le professioni e i settori dove l’occupazione femminile è particolarmente penalizzata sono stati identificati da due decreti interministeriali Lavoro-Finanze del 2 settembre 2013.

L’incentivo spetta se:

  • l’assunzione, la proroga e la trasformazione, realizzano un incremento netto del numero dei dipendenti del datore di lavoro interessato, rispetto alla media dei dodici mesi precedenti;
  • l’azienda risulta in possesso di regolarità contributiva.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Please publish modules in offcanvas position.