tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 Assunzioni congiunte in agricoltura
SOCIAL:
Area Riservata

Archivio

Assunzioni congiunte in agricoltura

Il 10 settembre 2014 è entrato in vigore la L. 99/2013 che ha introdotto nuove modalità operative per le assunzioni congiunte in agricoltura.
Ad oggi però siamo ancora fermi al “palo” della burocrazia. Sono ancora numerosi i dubbi che il Ministero dovrà chiarire sia in termini normativi che in termini tecnico/pratici.

Le assunzioni congiunte rappresentano per il settore uno scenario nuovo che consente alle imprese agricole di sfruttare opportunità gestionali importanti. Infatti due o più imprese agricole, in possesso dei requisiti previsti dalla normativa, possono instaurare in maniera congiunta un rapporto di lavoro con lo stesso lavoratore utilizzando la sua prestazione lavorativa in tutte le aziende presso le quali è stato assunto. Siamo quindi di fronte ad un unico rapporto di lavoro costituito con un pluralità di datori di lavoro.

I soggetti che possono procedere alle assunzioni congiunte sono:

  • Imprese agricole appartenenti allo stesso gruppo di imprese;
  • Imprese riconducibili allo stesso proprietario o a soggetti legati tra loro da vincolo di parentela o di affinità entro il terzo grado;
  • Imprese legate tra loro da contratto di rete a condizione che il 50% delle imprese coinvolte siano agricole.

Le comunicazioni di assunzione, trasformazione e cessazione devono essere effettuate da un solo soggetto e non da tutti i datori di lavoro interessati alla prestazione lavorativa.

L’adempimento spetta, nel caso di:

  • Gruppi di impresa: la comunicazione deve essere effettuata dall’impresa capogruppo;
  • Imprese riconducibili allo stesso proprietario: la comunicazione deve essere effettuata per il tramite dello stesso proprietario;
  • Soggetti legati da vincoli di parentela o legate tra loro da un contratto di rete: le comunicazioni devono essere effettuate tramite il soggetto individuato da uno specifico accordo o dal contratto di rete sottoscritto;

Il Ministero non chiarisce, al momento a chi competono gli adempimenti in materia di emissione ed elaborazione “busta paga” Libro Unico del Lavoro, pagamento modello F24, emissione modello CUD e tutti gli adempimenti connessi alla gestione ed amministrazione del personale. Si resta anche in attesa che venga emanato un nuovo documento tecnico che consenta l’invio telematico ai centri impiego competenti dell’assunzione congiunta.

Di certo c’è che i datori di lavoro rispondo in solido alle obbligazioni contrattuali sottoscritte, agli obblighi in materia di previdenza ed assicurazione contro gli infortuni ed ogni altra responsabilità connessa al rapporto di lavoro.

 

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Please publish modules in offcanvas position.