tr?id=945082922274138&ev=PageView&noscript=1 I giovani agricoltori e la PAC 2015 - 2020
SOCIAL:
Area Riservata

Archivio

I giovani agricoltori e la PAC 2015 - 2020

È molto importante fornire una chiara definizione di “giovane agricoltore”, specificando quali siano i requisiti necessari nel caso in cui il giovane sia insediato in una società di persone o di capitali, in quanto tali soggetti potranno percepire il pagamento aggiuntivo della nuova PAC 2015 – 2020 e avranno diritto all’accesso alla riserva nazionale.

Insediati da meno di 5 anni

Secondo il Reg. 1307/2013 e la Circolare Agea n. 142 del 20 marzo 2015 i giovani agricoltori sono le persone fisiche che possiedono i seguenti requisiti:

  • Età inferiore ai 40 anni nell’anno di presentazione della domanda unica;
  • SI insedino per la prima volta come capoazienda, o che si siano già insediate nei cinque anni che recedono la prima presentazione di una domanda per aderire al regime del pagamento di base.

Pertanto, rientrano in questa definizione coloro che hanno meno di 40 anni di età e che si sono insediati dopo il 15 maggio 2010.

Due vantaggi

Coloro che sono in possesso di entrambi i requisiti, hanno due vantaggi:

  • Percepiscono il pagamento per i “giovani agricoltori” (vedi box e tab. 1);
  • Possono presentare domanda di accesso alla riserva nazionale. La definizione di “giovane agricoltore” è molto semplice nel caso in cui la natura giuridica è una persona fisica o ditta individuale. La questione si complica in presenza di una persona giuridica ovvero quando il “giovane agricoltore” si insedia in una società. Il Reg. 639/2014 (art. 49) prevede che il pagamento a favore dei giovani agricoltori è concesso a persone giuridiche indipendentemente dalla loro forma giuridica quando:
  • La persona giuridica ha diritto al pagamento di base;
  • Un giovane esercita il controllo effettivo e duraturo sulla persona giuridica per quanto riguarda le decisioni relative alla gestione, agli utili e ai rischi finanziari per primo anno della domanda;
  • Almeno uno dei giovani agricoltori possiede i requisiti dell’art. 50 del Reg. 1307/2013.

L’accesso alla riserva nazionale

Il Reg. 1307/2013 (art. 30, par. 6) stabilisce che la riserva nazionale dovrà essere utilizzata in via prioritaria per l’assegnazione di titoli a:

  • Giovani agricoltori;
  • Nuovi agricoltori che iniziano la loro attività agricola.

L’accesso alla riserva nazionale avviene mediante due modalità (DM n. 1420 del 26 febbraio2015):

  • Assegnazione di nuovi titoli agli agricoltori che non ne detengono;
  • Aumento del valore dei titoli.

Quindi una società con un giovane agricoltore conferisce la possibilità di accedere alla riserva nazionale e di ottenere un valore dei titoli pari alla media nazionale.

Giovane e persona fisica

Nel caso in cui il giovane agricoltore sia una persona fisica, esso dovrà rispettare i requisiti di cui sopra. La verifica della data di insediamento viene effettuata dalla data di apertura della partita Iva o, nel caso di partita Iva già presente ma attiva in un ambito diverso da quello agricolo, la data di estensione dell’attività al regime agricolo.

Giovane e persona giuridica

Nel caso in cui si tratti di persona giuridica, Age, con la circolare n. ACIU.142.2015, paragrafo 12, ha chiarito i requisiti del “giovane agricoltore” nel caso di una persona giuridica (Circolare n. ACIU.142.2015, paragrafo 12). La verifica della data di insediamento viene effettuata dalla data dell’atto pubblico con il quale il soggetto “giovane” è entrato nella società; tale data deve essere indicata nella domanda unica. Il giovane agricoltore deve dimostrare il controllo effettivo e duraturo sulla persona giuridica. Agea ha fissato i requisiti del controllo in base al tipo di società: Srl, Spa, società cooperativa, società semplice, S.A.S..

Il valore

Un giovane agricoltore che si insedia e presenta domanda alla riserva nazionale nel 2015 (o anni successivi) percepirà i seguenti importi dei pagamenti diretti:

  • Pagamento di base: circa 180 €/ha;
  • Pagamento verde: circa 95 €/ha;
  • Pagamento per giovani agricoltori: circa 45 €/ha.
  • Per un totale di 320 €/ha circa.

A ciò si aggiunge il sostegno accoppiato, se il giovane agricoltore pratica una coltura o un allevamento che rientrano in tale pagamento.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Please publish modules in offcanvas position.